Che delusione!

on . Postato in DECORO URBANO - VERDE PUBBLICO

VICENDA PARCO RISERVA GRANDE: NULLA DI FATTO

22 febbraio 2018 ore 13.00: Commissione mista Patrimonio e Ambiente, ad oggetto il Parco di Riserva Grande.

Elevata la presenza di Consiglieri, Dipartimento Patrimonio del Comune, Dirigente Ufficio Tecnico del Municipio, il nuovo rappresentante di Nomentum. Il Presidente della Commissione ha ripreso il discorso lasciato sospeso dall’incontro di luglio 2017: un ben lungo intervallo.

Gli interventi si sono protratti per oltre 90 minuti e si sono conclusi con un nulla di fatto:

·Era assente l’attore principale, il Dipartimento PAU 

·L’Ufficio Tecnico del Municipio ha lamentato la mancanza dei documenti relativi al caso, ancorché più volte richiesti [ma come è possibile che il Municipio non abbia o non sia in grado di reperire documenti che dovrebbero essere protocollati da tempo?]. Ha anche asserito che non è possibile prevedere la presenza di un capanno non essendo autorizzata alcuna cubatura [una ben strana asserzione, visto che la Convenzione tra Comune di Roma e Nomentum, ratificata da apposita Conferenza dei Servizi, prevede la presenza del capanno]   

·Il rappresentante di Nomentum ha fatto due precise richieste:

Poter consegnare il parco in due parti separate: la parte superiore (ingresso da via Riserva Grande) in primavera / estate e la parte inferiore (ingresso da via Verginia Tonelli) in seguito [una ben strana richiesta questa, poiché la divisione del parco nei due tronconi era già stata approvata dalla precedente consigliatura, quando la gestione e cura di detta parte superiore era stata affidata al Comitato Civico Selva Candida] 

Chiarire se il laghetto, presente nella parte inferiore del parco, debba essere coperto oppure no [una ben strana richiesta, visto che la Convenzione tra Comune di Roma e Nomentum, ratificata da apposita Conferenza dei Servizi, prevede la presenza del laghetto, successivamente osteggiato dal Dipartimento Ambiente che ne ipotizzò la pericolosità] 

Se il Municipio avesse accettato tali richieste, Nomentum si sarebbe affrettata a completare l’allestimento della parte superiore del parco A PATTO CHE IL COMUNE FOSSE PRONTO AD ACQUISIRE L’AREA [ma tale acquisizione è subordinata al collaudo ed anche al fatto che il Comitato che ne aveva ottenuto l’affidamento sia ancora del parere di farsene carico] 

·Opposizione e maggioranza si sono calorosamente rinfacciate le reciproche mancanze 

·Nella bagarre del fuggi fuggi finale [ora di pranzo inoltrata] i cittadini presenti non sono stati ascoltati.

Abbiamo assistito alla triste rappresentazione di una annosa vicenda ben lungi dalla sua conclusione. Che delusione!

 

Statistiche sito

Utenti registrati
87
Articoli
285
Web Links
53