Pericolosità via di Selva Candida: arrivata una prima risposta al nostro esposto

Scritto da Comitato Selva Candida on . Postato in TRASPORTI, URBANISTICA, SICUREZZA STRADALE

Il 1° dicembre 2017, fortemente preoccupati per lo stato di pericolosità della Selva Candida e fortemente amareggiati dalla mancanza di risposte alle istanze di intervento inoltrate al nostro Municipio XIV fin dal 2014, abbiamo inviato formale esposto alla Sindaca Virginia Raggi ed al Comandante della Polizia di Roma Capitale. Copia al nostro Municipio.  

Lo scorso 12 gennaio 2018 il Direttore dell’Ufficio di Gabinetto della Sindaca ha richiesto al Municipio XIV ed alla Polizia Municipale Monte Mario di “verificare” ed “assumere le iniziative necessarie”.

A sua volta, la Polizia Municipale Monte Mario - Reparto Tutela Ambientale, ha girato la palla al Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale (da noi già informato) e ad AMA, limitando la richiesta di verifica ed intervento alla “eventuale potatura delle alberature presenti a bordo strada” ed allo “sfalcio vegetazione e raccolta rifiuti”. Tutte le altre problematiche, cioè quelle collegate con la segnaletica stradale, il controllo e la limitazione della velocità dei veicoli e lo stato delle fermate bus, sono state bellamente ignorate.

Il Comitato Selva Candida ringrazia la Sindaca ed il direttore del suo Ufficio di Gabinetto per il sollecito interessamento, che purtroppo è andato in parte ignorato.

Vedremo cosa faranno il Dipartimento di Tutela Ambientale e AMA, mentre constatiamo ancora una volta la mancanza di risposte da parte della Presidenza del Municipio XIV.

Una proposta concreta!

Scritto da Patrizia Campagna on . Postato in TRASPORTI, URBANISTICA, SICUREZZA STRADALE

 

La programmazione della mobilità urbana è cosa complessa e seria.

E’ seria per la costituzione e riconoscimento della città stessa: lo Statuto la pone fra i Principi Programmatici:

Roma Capitale promuove e qualifica l'organizzazione sociale regolando i tempi e gli orari, privilegiando il trasporto collettivo a garanzia della salute, della sicurezza e della mobilità generale.

Lo scollamento fra quanto si legge e quello che viviamo ogni giorno è abissale, lo sappiamo e lo ricordiamo ogni mattina…“Cittadini offesi”.

Oggi con il PUMS (Piano Urbano di Mobilità Sostenibile) i cittadini possono presentare la loro idea di miglioramento in una prospettiva futura; tutti possono proporre e votare.

Non ci sono vincoli sulla fattibilità tecnico-economica, studi sui flussi, modelli di generazione di domanda, nulla di quella complessità programmatica e progettuale che, chi ha affrontato questi temi per formazione o lavoro conosce bene.

Questo non esclude che le proposte non siano valide, vedremo quale peso avranno nella futura redazione del Piano e la concretezza dello stesso.

Adesso è il momento di proporre; proporre con la propria esperienza di Cittadini che si spostano per la città in una situazione pesante e faticosa dove il Principio Fondante... "a garanzia della salute, della sicurezza…” viene disatteso ogni mattina.

I comitati di cittadini Selva Candida, Narno, Riserva Grande, Futuro Ponderano sono presenti nel PUMS con la “Linea Expres 904”; è una proposta fatta da chi si sposta per lavoro con il 904 tutte le mattine e con tale mezzo rientra a casa.

Una proposta concreta!

Non c’è tempo per le polemiche, tutto è migliorabile, ne riparleremo!

Adesso bisogna votare perché bisogna esserci con tutte le criticità e i dubbi che tale piano suscita.

 

Patrizia Campagna

904 Express

on . Postato in TRASPORTI, URBANISTICA, SICUREZZA STRADALE

Quattro Comitati di quartiere chiedono ad ATAC e al Comune di Roma Capitale l'istituzione di una nuova linea di trasporto pubblico. Un collegamento verso la metro A Battistini al servizio dei cittadini del Quadrante Selva Candida/Selva Nera

[posta certificata 29.12.2017] 

 

IL CONTESTO

Intorno alle vie Selva Candida e Selva Nera, situate a nord-ovest di Roma, si sviluppa un’area dove, a partire dal 2000, sono notevolmente aumentati i residenti come conseguenza di diversi Piani di Recupero Urbano e Piani di Zona, voluti dal Comune, che si sono aggiunti alla precedente massiccia edilizia abusiva.

Per quest’area i due poli di collegamento con la città di Roma sono la linea ferroviaria FL3 (Stazione Ottavia) e la metro A (Capolinea Battistini), ambedue distanti circa 6 chilometri ma raggiungibili percorrendo strade realizzate parallelamente alla crescita di abitazioni abusive e perciò prive di logica urbanistica.

L’attuale linea ATAC 904 consente un avvicinamento alla metro Battistini ma segue, soprattutto nel suo percorso iniziale, strade interne che ne rallentano molto la corsa, mentre nella parte finale del tragitto, proseguendo per via di Boccea, dall’incrocio con via Battistini fino al capolinea Giureconsulti, la linea risulta estremamente rallentata per il costante e notevole traffico di quel particolare tratto di strada.

Perché UNA NUOVA LINEA

La quantità di traffico in questo contesto racconta di un servizio pubblico insufficiente. Aumentare il trasporto pubblico, mirato verso le scuole e la stazione della metropolitana, oltre a garantire maggiore vivibilità per le zone interessate, consentirebbe un alleggerimento sostanziale dei veicoli privati in transito con un beneficio sul traffico per l’intero quadrante.

Un servizio di trasporto pubblico è tale non solo se effettivamente riesce a raggiungere più persone, ma anche se riesce ad essere veloce ed efficace. Per questo, accanto alla linea 904 così come oggi è concepita, chiediamo di istituirne un’altra con un percorso più breve che consenta una riduzione dei tempi e quindi risponda meglio alle esigenze di tanti utenti che si muovono dal citato quadrante per raggiungere le scuole situate lungo via di Boccea e/o la stazione della metro A - Battistini. 

Perché UNA LINEA EXPRESS

Via di Boccea è servita da più autobus, per questo riteniamo che la nuova linea a servizio di Selva Candida e Selva Nera debba concentrare le fermate in questi luoghi e saltarne alcune lungo via di Boccea.

Anche all’interno di Selva Candida alcune fermate più interne verrebbero eliminate a vantaggio della velocità della linea. Così come si preferirebbe far transitare la nuova linea dalla fermata di Boccea/Battistini, piuttosto che arrivare davanti alla fermata della metro rischiando magari di impiegare anche 15 minuti per percorrere i circa 200 metri di via Battistini.

Preferire insomma, quando possibile, pochi passi a piedi in cambio di una linea più veloce e quindi più efficace.

PERCORSO e FERMATE

La linea 904 Express dovrebbe partire da Largo Bedeschi (che raccoglie facilmente gli utenti provenienti dalla zona di via Lidia Bianchi) e seguire un percorso lineare, senza inoltrarsi in via Rezzato e dintorni e senza inoltrarsi in via Battistini, sempre fortemente affollata. Superata la fermata Boccea/Nazareth (direzione Cornelia) dovrebbe invertire il percorso e fermarsi a Boccea/Battistini (direzione Bedeschi) per tornare a Largo Bedeschi.

I chilometri dell’itinerario della nuova linea Express sono circa 17, con il punto di svolta a Boccea/Battistini al Km 8,600 del percorso. 

Queste le fermate:  

Allegati:
Scarica questo file (2017_12_28 904 Express.pdf)2017_12_28 904 Express.pdf[ ]651 kB
Scarica questo file (Linea904express.pdf)Linea904express.pdf[ ]776 kB

Area via Grezzago: emergenza sanitaria

Scritto da Comitato Selva Candida on . Postato in DECORO URBANO - VERDE PUBBLICO

Inviato esposto alla ASL e alle Autorità competenti con posta certificata

area via grezzago: emergenza sanitaria

Enrico Di Rosa
DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - U.O.C. Servizio Igiene e Sanità Pubblica
Piazza S. Maria Della Pietà, 5 Padiglione 90 – Roma  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Daniele Gamberale
DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE
Via Fornovo, 12 – Roma   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lorenzo Botta
POLIZIA ROMA CAPITALE
U.O. Gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale - Sezione emergenza sociale e ambientale - Reparto tutela ambientale e urbanistica  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Via V. Bonifati. 93/95 – Roma  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E p.c.
Alfredo Campagna
Presidente del Municipio XIV  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Diego Porta
Comandante generale del Corpo di Polizia di Roma Capitale
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dip. Tutela Ambientale
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 ******************

Il Comitato Selva Candida, con sede in via Nosate 64, Roma, codice fiscale 97792460582, nella persona del Presidente Luigi Cattivelli, nato a -----il ----, residente in Roma (RM) via ----, telefono cellulare -----, e-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ,con la presente intende denunciare alle Autorità una situazione di Rischio Igienico Sanitario e reato di abbandono di rifiuti (D.lgs 152/2006 s.m.i) da parte di ignoti.

 

ESPONE QUANTO SEGUE

La situazione in premessa si è sviluppata nell’area che si affaccia su Via di Selva Candida all’altezza del n.ro civico 380 e confinante con le vie: Grezzago e Nosate (Vedi: Pec 2017_06_12 con posizionamento ed evidenza delle particelle catastali – proprietà del Comune di Roma).

Tale sito si inserisce in un contesto residenziale e di passaggio pedonale per le diverse attività che gli ruotano intorno: fermata linea autobus 904, fermata Scuolabus, Studi medici di base (pediatri, medicina specialistica), farmacia, ristoranti.

L’area è limitata da marciapiedi, da un lato completamente impraticabili, di percorrenza obbligata per raggiungere i servizi elencati. Al suo interno l’area è invasa da alta vegetazione spontanea che ha prodotto condizioni più che favorevoli per l’abbandono di rifiuti.

Il materiale abbandonato, di natura ingombrante e non, è in continuo aumento e si notano con particolare sospetto molti sacchi di colore nero (Allegate foto); percorrendo alcuni tratti dei marciapiedi si sono riscontrati odori molesti. I rifiuti alimentano la presenza di animali selvatici e randagi. Si sottolinea perciò l’aumento del rischio nel percorrere i suddetti marciapiedi

SOTTOLINEA

La situazione dell’area è già stata posta ripetutamente all’attenzione delle Istituzioni durante il periodo estivo, sottolineando il rischio incendi (Allegate Pec).

CHIEDE

1.     Il ripristino delle condizioni di salubrità e legalità dell’area, nonché del civile decoro, anche con l’adozione di strumenti di controllo.

2.     Di essere informati delle valutazioni che scaturiranno dal presente esposto e delle soluzioni che saranno adottate.

 

Roma, 11 dicembre 2017

Distinti Saluti

Luigi Cattivelli
Comitato Selva Candida 
Presidente 

Statistiche sito

Utenti registrati
87
Articoli
271
Web Links
53